marzo 15, 2007

La voce dell’apostolo della “non violenza”

Posted in Il pensiero del giorno a 1:24 pm di juliettttt

«Il benessere è necessario, ma oltre un certo limite diventa un ostacolo. Dietro la creazione di bisogni illimi-tati si nasconde una trappola. La soddisfazione dei bisogni materiali deve avere dei limiti, altrimenti degene-ra in culto della materia. È il rischio che stanno correndo gli europei, e che avrà effetti devastanti se non compiranno un cambiamento radicale».

 M.K Gandhi

marzo 6, 2007

…sotto l’ala di francesco…

Posted in It's my life a 3:02 pm di juliettttt

Un grande desiderio di pregare in questo periodo.. ed una difficoltà enorme nel portare avanti i miei intenti… la pigrizia vince quasi sempre.. ha la meglio anche se i propositi sono dei migliori.. Poi.. un sms di un amico..:  dal 2 marzo sera.. al 4 pomeriggio.. incontro ad Assisi dal titolo “Maestro insegnaci a pregare” .. chi è interessato mi faccia sapere il prima possibile..Mhmmhmh… le coincidenze non esistono.. al massimo esiste la divina Provvidenza… direi.. che è proprio il caso di andare….  E così… mi sono ritrovata in questo posto così speciale che è l’eremo delle carceri… non c’ero mai stata.. nonostante fossi andata ad Assisi in più di un’occasione.. ma… l’eremo è più in alto rispetto al resto… è un po’ più appartato.. immerso in un bosco di lecci secolari… in cui si possono scorgere le grotte dove al tempo di San Francesco i suoi fraticelli si ritiravano in preghiera ed in penitenza… Un luogo di grande pace.. dove mi sono ritrovata.. con gente che non conoscevo.. a  condividere il mio stesso bisogno di pregare.. e di crescere nella preghiera.. attraverso i piccoli ma preziosissimi suggerimenti di Frà Sergio… un ex ginecologo brasiliano.. frate ormai da parecchio tempo.. e fisso all’eremo già da un po’… Eravamo pochi.. chi da Milano.. chi da Roma.. chi dalla Germania.. chi da Assisi stessa.. qualcuno con tanti dubbi nel cuore.. qualcuno con tanta tristezza.. qualcuno con tanta speranza… ma tutti  con l’assoluta certezza che stavamo ricercando nel posto giusto.. la fonte per guarire le nostre debolezze.. nel posto ideale per iniziare una “rigenerazione spirituale” e con una gran bella occasione di approfondire qualche punto rimasto in sospeso della nostra fede….Dei dubbi grandi che avevo…  sono stati teneramente allontanati dalla semplicità di questo piccolo fraticello che ci ha seguiti…Io: Nei momenti di grande gioia.. riesco ad approcciare con facilità alla preghiera di lode… così come nei momenti di grande sconforto.. riesco con la preghiera di “richiesta” ad essere comunque costante… ciò che invece non riesco a fare.. è mantenere costante la preghiera nei momenti di “normalità”.. nella vita di tutti i giorni.. quando non sento una grande spinta a pregare.. anzi.. diventa uno sforzo.. che di conseguenza non faccio perché mi sembra senza senso pregare senza sentirlo…Frà Sergio: la preghiera non è un  atto del sentire.. bensì un atto della volontà.. per cui anche se “non ce lo sentiamo” possiamo offrire a Dio il nostro tempo con preghiere semplici.. e senza grandi pretese.. solo con il desiderio di essere comunque presenti all’incontro con lui… nonostante il nostro animo non sia predisposto.. anzi.. offrendogli proprio quello…Io: La difficoltà più grande che ho è quella di fare silenzio dentro me quando mi avvicino alla preghiera.. sono pochi i momenti in cui mi sembra di ascoltare sul serio… mentre di solito un fluire infinito di pensieri non mi abbandona mai.. anzi… sembra proprio che tutte le preoccupazioni  e le idee più futili… mi vengano in mente quando decido di pregare!!!!!Frà Sergio: C’era San Bernardo che diceva… prima di entrare in chiesa.. mi impegnavo a lasciare fuori dalla porta tutti i pensieri e le preoccupazioni.. ma poi.. entravo.. arrivavo al mio posto.. e i miei pensieri erano già lì ad aspettarmi.. J .. quello che può aiutare.. è convertire i pensieri.. in lode.. e ringraziare per ciò che abbiamo e che ruota intorno a questi pensieri.. (es.: la preoccupazione per un esame… può diventare occasione per ringraziare della possibilità di poter studiare.. di aver avuto modo di venire a conoscenza dei propri limiti e delle proprie capacità.. e via dicendo..)E poi altri dubbi e altre perplessità… che solo la semplicità e la dolcezza di chi vive nell’essenzialità come questi fraticelli.. potevano far svanire con così tanta tranquillità…    

febbraio 28, 2007

..infanzia..

Posted in Elucubrazioni a 8:56 am di juliettttt

L’altro giorno parlavo con la mia amica… e chiacchierando.. sono venuti pian piano fuori i nostri sogni.. le nostre aspettative e i nostri desideri relativamente a tutto ciò che concerne una relazione amorosa.. anche se alla fine.. entrambe giungevamo alla conclusione che.. mai probabilmente nessuna delle due avrebbe potuto avere una relazione d’amore sana..  normale.. ed appagante… il tutto a causa della terribile paura dell’abbandono che incombe su entrambe…  Di fronte a questa conclusione.. la mi amica si è girata e mi ha detto.. eppure… in tutta franchezza.. non riesco proprio a capire come è possibile che una persona con una famiglia come la tua possa avere un approccio così… E questo mi ha fatto tanto riflettere…Proveniamo da due realtà completamente diverse.. che riassunte da un occhio superficiale… potrebbero essere riassunte così..: io provengo da una famiglia stile mulino bianco.. e lei proviene da una situazione familiare drammatica…: i miei genitori si prodigano in mille soluzioni per venire incontro alle mie esigenze.. fanno di tutto per accontentarmi.. per non fari mancare nulla.. per far sì che io non abbia problemi… mentre.. sua mamma è morta in circostanze tragiche quando lei era alle scuole medie.. e suo padre, dal quale la mamma era separata da tempo, lei non lo vede da quell’epoca…. Gli zii con i quali è vissuta per un po’ si sono poi separati.. e alla fine lei è andata a vivere con i nonni… e via dicendo.. ma.. non è questo il punto.. anzi.. tutto questo mi ha fatto tanto pensare… In realtà per certi versi sono oggettivamente più fortunata di  lei.. eppure porto dentro le stesse ferite.. le stesse paure.. perché??? E qualcuno è venuto in mio soccorso.. facendomi notare da bravo musicista.. che.. i difetti “acquisiti” nelle prime lezioni di studio di uno strumento.. sono difetti di impostazione che rimangono per sempre… Anzi.. mi sottolineava proprio come  anche ottimi musicisti… non riescono a fare il salto di qualità… proprio a causa di difetti atavici.. sottovalutati inizialmente.. e poi rimasti definitivamente nel loro modo di suonare… Un po’ allo stesso modo… tutto ciò che si imprime nell’ infanzia… rischia di restare per tutta la vita nel nostro “dna” relazionale… e l’uomo è anche l’animale dall’infanzia più lunga in fondo… per cui… la possibilità di “sclerotizzare” errori.. aumenta… ed ecco che l’infanzia.. diventa un po’ come i peperoni… 😉 .. e torna sempre su.. ed ecco lì.. che da quando ero piccola.. i miei genitori hanno sempre lavorato.. e mi hanno sempre scaricato dai nonni o dalla signora del pianerottolo… non c’erano mai.. e io forse questo non l’ho mai accettato… Non ho nulla da rimproverare ai miei.. anzi.. la vita ci mette sempre di fronte a scelte difficili.. e sicuramente l’idea di portare a casa due stipendi per consentire ad un figlio di non dover rinunciare a niente.. è una scelta più che responsabile.. per cui non ha senso che io rivanghi i pomeriggi buttata davanti alla tv perché i miei nonni mi piazzavano lì senza avere idea del fatto che un bimbo può voler giocare.. o può voler imparare cose nuove…né che ritiri fuori il fatto che mia madre non mi è mai venuta a prendere a scuola.. neanche il sabato che non  lavorava.. (e non perché non mi volesse bene.. ma perché per la sua logica era molto più importante farmi trovare il pranzo pronto .. che non farsi trovare all’uscita insieme alle altre mamme… ) o che magari per capire che mi voleva bene.. dovevo leggere attraverso i regali che lei mi riportava la sera a casa di ritorno dall’ufficio… per cui.. nonostante la sua estrema dolcezza.. io ho legato l’amore alla dimostrazione attraverso le cose pratiche.. e spesso.. nelle mie relazioni.. il mio bisogno e la mia continua ricerca di dimostrazioni d’affetto attraverso lettere.. biglietti.. regali.. sono stati maniacali…. Tutti i vuoti dell’anima.. hanno a che fare con i conti in sospeso dell’infanzia… Tutti… e non ha senso che io reputi in fondo ingiusto il mio animo segnato.. solo perché all’apparenza ho sofferto meno di qualcun altro… La condizione necessaria in tutti i casi è.. una volta inquadrate certe dinamiche.. il superamento di tutto questo.. attraverso la logica di comprensione e di amore…. Ma.. su questo.. ci sto lavorando!!!!!!!!………

febbraio 20, 2007

pregiudizio??? .. mhmhmh…

Posted in Elucubrazioni a 3:46 pm di juliettttt

Il pregiudizio nasce dall’incapacità di ascoltare con il cuore APERTO le persone con cui ci interfacciamo. E’ più facile infatti farci un’idea su una situazione, uno stato d’animo e poi far sì che ogni parola sentita e non ascoltata.. subisca un raffinato processo di deformazione che la trasformi al punto da farla rientrare nella forma appositamente creata ancor prima di iniziare ad ascoltare.. Quanta gente ascolta con il cuore.. rispetto a quanta ha la presunzione inconscia di sapere già cosa vuoi dire e di conseguenza non ti ascolta più????

Preghiera di Santa Teresa..

Posted in Prayer a 2:00 pm di juliettttt

Possa oggi esserci la pace. Possa tu avere fiducia nelle tue possibilità, che tu sia esattamentedove avresti voluto essere. Possa tu non dimenticare le infinitepossibilità che nascono dalla fedePossa tu usare questi doni che hai ricevuto e trasmetterel’amore che ti e’stato donatoSii contento di sapere di essere figlio di Dio.Sia questa presenza fissata nelle tue ossa, e permetti alla tuaanima di essere libera di cantare, ballare, glorificare e amare.Sia così per ognuno di voi

Che pasticcio Bridget Jones.. Meglio Hugh Grant!

Posted in Film a 1:55 pm di juliettttt

ic Forse.. sarà il film più semplice e scontato prodotto negli ultimi dieci anni..  ma.. è stato mandato in onda.. esattamente quando serviva a me… che da giorni tentavo di inquadrare il ruolo di una persona nella mia vita.. ma quasi sempre senza successo.. e invece.. ecco.. diciamo che il personaggio interpretato da Hugh Grant.. ha riportato di fronte ai miei occhi.. esattamente quanto stavo vivendo io.. Ma.. al contrario di quanto si può pensare di primo impatto… in questo personaggio non vedo un bastardo.. viscido.. villano e cinico playboy da quattro soldi.. come forse superficialmente potrebbe essere definito.. bensì.. una figura in bilico tra il bene e il male.. che il mio istinto.. non so perché.. vorrebbe salvare.. nonostante le puntuali conferme dell’inutilità di tale approccio.. Ma perché.. mi domando.. nonostante il mio disincantato approccio a certe realtà.. la chiave di lettura che prevede un “salvataggio”.. mi sembra la più sensata? Forse.. perché in fondo non credo nella possibilità che esistano persone che interagiscono con altre esclusivamente per sollazzar il regale amico.. o soltanto per prendere qualcosa dagli altri.. senza porsi il problema di dare o di fare del male.. per cui.. mi risulta naturale l’idea che sia “salvabile” quella figura.. sicuramente un po’ egoista.. e un po’ materialista.. e anche un po’ egocentrica.. forse una di quelle che.. non si fanno scrupoli per ottenere qualcosa ma.. in fondo.. positiva.. nonostante ci sia effettivamente un unico punto che stona:.. per ottenere ciò che desidera… fa furbescamente  leva sui sogni e sui desideri di qualcun altro.. e questo un po’.. non mi va giù… soprattutto perché non riesco a comprendere fino in fondo.. in questo caso specifico.. la necessità di non poter essere schietti per ottenere quello che si vuole?? Forse perché nessuna gliela darebbe??? Forse perché un po’ di romanticismo ci sta sempre bene anche per chi è materialista ed egoista..??.. o perché piace crederci anche a chi è così di natura.. che prima o poi troverà una donna.. unica e sola..  che gli farà perdere la testa??.. alla fine dei conti.. sembra che tutti aspirino proprio a quello..  nonostante poi certi rapporti diventino delle tombe sia per l’amore che per i partecipanti.. per tanti l’idea del “per sempre” rimane comunque un qualcosa a cui aspirare.. e allora forse.. anche chi di indole sa che non riuscirà ad essere fedele.. vuole provare a crederci comunque.. nonostante la piena consapevolezza della propria tua indole.. quella che alla lunga si stancherà… l’indole che se non vede il proprio sentimento ricambiato sente il bisogno di  compensare il suo “stare appesa” con qualche ripiego divertente interessante.. ovviamente momentaneo..  e via dicendo… Ecco.. io vorrei salvare questo personaggio.. non credo sia negativo.. o almeno lo è tanto quanto Bridget Jones.. le cui reazioni conosco fin troppo bene..  ricoperte da facciate di amore vero.. ma intrise di paura ed incapacità di stare bene soli ..

febbraio 16, 2007

LUCCHETTO…

Posted in outside a 12:28 pm di juliettttt

Scrivo al volo… (in ufficio si sono svegliati tutti in questi gironi e non c’è più un attimo di tregua!!!! L ..)  parlando di una “moda” che mi ha fatto scoprire una mia amichilla ieri mattina…mentre mi raccontava cosa aveva fatto: il 14.. il giorno di san valentino… lei e il suo moroso.. sono andati a ponte Milvio… e su uno dei pali (mi sono documentata poi.. dovrebbe essere quello centrale) dove è legata una grossa catena.. hanno agganciato un lucchetto (non so se anche con le loro iniziali scritte sopra) e poi hanno buttato l’unica chiave in  grado di aprirlo.. nel Tevere!….. Da alcune foto che ho visto su internet… sono tantissimi i ragazzi che lo hanno fatto.. e questo palo è pieno zeppo di lucchettini..  Mi ricordo quando con l’amore della mia vita.. abbiamo lasciato un biglietto sotto il balcone di Giulietta a Verona.. sigh.. che bello.. credere nel sentimento che ti lega ad un persona.. e sognare (o illuderti – versione cinica) che duri per sempre.. e dargli una dimensione reale.. come in voto.. con un gesto come questi.. che sembrano anche suggellare questa unione…Ah.. che bello essere innamorati….

febbraio 12, 2007

treno..pulman..macchina..

Posted in It's my life a 3:43 pm di juliettttt

Ore 17.00 di venerdì 9 febbraio.. mumble mumble… che faccio.. parto o non parto??.. mumble mumble.. ma si parto va’… www.trenitalia.com… Login….. niente: password errata.. porc.. chi se la ricorda… facciamocela rispedire.. ok.. riproviamo Login… partenza Roma.. destinazione Napoli Centrale… orario.. 18.25.. modalità ticketless… ma non ho la stampante.. porc… ah si.. l’sms sul cellulare…. (quanto mi piace sfruttare la tecnologia certe volte….) .. ce la farò…. Supergirl in azione.. alle 17.13 esce dall’ufficio… arriva al volo a casa trovando parcheggio all’istante (un miracooooooooooooolooooo!!) nel frattempo al telefono col fratello lo obbliga a  giungere il prima possibile a prenderla… e lui.. (troppo buono.. sarebbe da prendermi a sberle in queste circostanze..) alle ore 18:06.. arriva a casa.. dopo aver provato a stampare la mail di trenitalia.. (un santo)… mi prende al volo e alle 18.20 mi scarica a via Marsala.. ed io alle 18.24 salgo al binario 18.. sull’ Eurostar Italia AV 9623.. che un minuto dopo lascia la stazione Termini per poi..alle 19.50.. lasciarmi iper puntuale alla stazione centrale di Napoli.. incredibile… il brivido dell’ ALTA VELOCITA’… con il rincuorante (e un po’ scoattante) messaggio vocale..  informiamo i signori viaggiatori che stiamo procedendo alla velocità di 300 km orari.. uaaaaaaaaaaaaa!!!

Peccato che tutto il vantaggio guadagnato lo perdiamo entrando nella stazione di Napoli.. dove i palazzi sono costruiti praticamente tra i binari… e quindi il tempo di percorrenza del tav diventa quasi uguale a quello dell’eurostar normale.. anche se il prezzo rimane nettamente distinto!!!!!!!!!

E il ritorno.. ancora più bello….. ed inaspettato….: dopo aver scoperto che a casa della mia amica avevano staccato il telefono.. (sembra addirittura che da qualche parte ci sia gente che va rubando cavi di rame qua e là per rivenderseli!!! E me pare giusto che se so fregati quello della mia amica)  in preda allo sconforto di dover prendere il pulman…. mando l’sms più assurdo della mia vita… con un atteggiamento che non mi appartiene affatto =>

Proposta indecente: non è che mi guarderesti l’orario dei treni.. mi verresti a prendere in macchina ad Avellino.. e poi mi porteresti alla stazione di Napoli???

SI

E’ venuto a prendermi… all’uscita di Avellino Ovest… (dopo che sabato sera ero dietro casa sua ma non ho saputo dirgli dove….!!!! boh via dei mille.. boh al vomero… boh..) .. mi ha portato a piazza Garibaldi.. mi ha offerto il caffè.. mi ha comprato le sfogliatelle per casa.. mi ha aiutato a prendere il biglietto (sono impedita con le macchinette automatiche) del treno (che aveva già controllato) .. e mi ha messo sulla carrozza.. ah…..

Vabhè… in tutto ciò.. non ho neanche la forza di incazzarmi per:

 *      essere ingrassata 3 kg in 2 giorni… (la mamma della mia amica preparava tagliatelle con zucca (DELL’ORTO) e salsiccia!!.. uuuuaaaaa che bbbbuone… e  gnocchi fatti in casa col sugo di spezzatino… preparati con la stessa scioltezza con cui io preparo il mio piatto forte: riso bianco con l’olio.. incredibile…. Non potevo sottrarmi dallo sperimentare alla “Torteria” di AVellino.. la super torta ricotta e pere…. Maròòòòòòòò)…

*    aver letto il messaggio che mio fratello ha impostato su msn: “sfida yaris vs agila al gp del muro torto…neanche a dirlo chi ha vinto!!!!” cioè.. io ti lascio la macchina nonostante l’opposizione di mamma e papà… e tu…. ti metti a fare le gare sul muro torto????? Ma io prendo te e i tuoi simpaticissimi amici e ve le faccio ritirare subito subito ste patenti fresche fresche!!!

*      aver trovato la macchina a cui avevo fatto il pieno dopo 2 anni… in riserva.. probabilmente a causa del secondo e suddetto punto….

 Bhà..  carica di positività… nonostante i kg in più e la benzina in meno.. dopo questo week end con la mia amica… della quale avrò modo di parlare in seguito.. inizio questa settimana…

febbraio 9, 2007

www.psicologiapsicoterapia.com

Posted in Elucubrazioni a 12:04 pm di juliettttt

…ma come mi ricorda qualcuno di mia consocenza…. 

Diagnosi di Disturbo Istrionico di Personalità
il disturbo istrionico è inserito tra i disturbi di personalità del gruppo “drammatico-imprevedibile” ed è caratterizzato da un quadro pervasivo di emotività eccessiva e di ricerca di attenzione, che compare entro la prima età adulta ed è presente in una varietà di contesti, come indicato da almeno cinque dei seguenti elementi:

1) la persona è a disagio in situazioni nelle quali non è al centro dell’attenzione

2) l’interazione con gli altri è spesso caratterizzata da comportamento sessualmente seducente o provocante

3) manifesta un’espressione delle emozioni rapidamente mutevole e superficiale 4) costantemente utilizza l’aspetto fisico per attirare l’attenzione su di sé

5) lo stile dell’eloquio è eccessivamente impressionistico e privo di dettagli

6) mostra autodrammatizzazione, teatralità, ed espressione esagerata delle emozioni

7) considera le relazioni più intime di quanto non siano realmente.

..ma ci si potrebbe innamorare di una persona così??…. mmhmhh… non sò..

tra un post refresh e un plug-in ……..

Posted in Elucubrazioni a 11:48 am di juliettttt

penso.. elaboro.. rifletto.. analizzo.. valuto.. ma poi.. agisco di istinto.. ma allora.. Che perdo tempo a fare??? Tanto in ogni situazione se il mio istinto mi ha indirizzato da qualche parte.. nessuna  valutazione razionale a posteriori.. pur prendendo in considerazione variabili che l’istinto non ha minimamente valutato.. potrà modificare lo stato della mia predisposizione.. Forse potrà smussarla un po’.. al massimo  stemperarla un po’..   anzi.. in realtà.. se mi provo a forzare in una direzione scelta razionalmente.. e coadiuvata solo in parte dall’istinto.. ogni occasione sarà il banco di prova per confermare o smentire le sensazioni istintive iniziali.. praticamente vivo alla stregua del mondo animale!!! .. ma come si fa ad incanalare l’istinto?.. per me incanalarlo equivale a reprimerlo.. proprio per la sua natura…

Pagina precedente · Pagina successiva